Mettiti in comunicazione con noi

Perché sviluppare i prerequisiti per la scuola primaria?

Consigli per i genitori

Perché sviluppare i prerequisiti per la scuola primaria?

I prerequisiti per la scuola primaria riguardano una serie di attività che rivolgo ai bambini dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia, affinché possano, con facilità, affrontare i successivi apprendimenti scolastici.

Gli obiettivi, in ambito terapeutico, sono un ricalco delle Linee Guida per il Diritto allo Studio degli Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento, redatte dal Dipartimento per l’Istruzione del MIUR, laddove viene sottolineata l’importanza della prevenzione,  da dedicare alla fascia dell’età prescolare.

 

COSA FACCIO

Propongo giochi logici, linguistici e metalinguistici, di precalcolo, attività che stimolano l’attenzione e la memoria visuo-spaziale, l’orientamento nello spazio, la conoscenza dello schema corporeo, con l’obiettivo di suscitare l’interesse del bambino nell’osservare, confrontare, indovinare, raccontare, contare, scegliere e riflettere sugli stati emotivi.

 

COME AGISCO

Inizio il mio lavoro con la lente psicomotoria, che apre le scene dell’intervento neuropsicomotorio certosino. Non dimentico mai ciò che ho imparato dal prof. Ajuriaguerra, ovvero adottare una metodologia che riconosce la storia delle funzioni e delle determinanti che segnano l’evoluzione in termini di differenziazione. Lo sviluppo psicomotorio passa schematicamente mediante l’organizzazione della struttura motoria, l’organizzazione del piano motorio e l’automatizzazione dell’acquisito.

Nello spazio terapeutico, riservato al bambino e a me, talvolta al genitore, faccio entrare in campo il gioco poiché svolge una funzione adattiva di potenziamento dell’Io.

La lente psicomotoria  è  sempre accompagnata dall’analisi psicologica  affinché io possa comprendere quei processi sottostanti l’azione intrapresa e riversarla in modo comprensibile ai genitori del bambino.

 

COSA PROPONGO

Le varie proposte tra loro si mescolano in modo da presentare l’allenamento in competenze diverse e in ordine di difficoltà crescenti.

Clicca per commentare

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in: Consigli per i genitori

To Top